Il Sistema Parchi dell’Oltrepò mantovano

Il Sistema Parchi dell’Oltrepò mantovano - SiPOM - è nato nel luglio 2007. Esso comprende le 9 aree protette presenti nei territori dell’Ostigliese e dell’Oltrepò mantovano: oltre all’Isola Boscone, la Riserva naturale SIC/ZPS/Zona Ramsar Paludi di Ostiglia e la Riserva naturale/SIC/ZPS Isola Boschina (entrambe nel comune di Ostiglia) , i Parchi Locali di Interesse Sovracomunale San Lorenzo (Pegognaga) San Colombano (Suzzara), Parco golenale del Gruccione (Sermide) , Golene di Foce Secchia (Quistello, Quingentole, San Benedetto Po e Moglia) , nonché la ZPS Viadana, Portiolo di San Benedetto Po, Ostiglia.

 

Foto di Daniele Cuizzi

Il SiPOM rappresenta di fatto un’unica area protetta estesa su oltre 9.000 ettari, che racchiude tutti gli ambienti tipici della pianura alluvionale del Po (boschi planiziali, habitat fluviali, paludi, ex-cave rinaturalizzate ed agroecosistemi) e che si trova in continuità con i Parchi regionali del Mincio e dell’Oglio Sud.
Le aree protette del sistema si snodano lungo un percorso di una sessantina di chilometri sull’argine del Po, o sono da esso raggiungibili con comode deviazioni.
La visita alle aree protette del Sistema (magari in bicicletta), la sosta negli agriturismi e nelle fattorie didattiche (dov’è possibile compiere numerose attività educative e di svago all’aria aperta), l’acquisto dei numerosi prodotti tipici locali direttamente presso i punti vendita aziendali, la scoperta della sontuosa cucina mantovana, dei sorprendenti musei sparsi sul territorio, degli impianti di bonifica e delle pievi matildiche, renderanno il soggiorno nell’Oltrepò mantovano un’intensa esperienza alla scoperta di un territorio che ha saputo conservare una notevole qualità diffusa.

Al termine di un faticoso percorso di candidatura durato oltre un anno, nel 2008 il SIPOM ha ricevuto da EUROPARC Federation (l’associazione che raccoglie oltre 400 aree protette di 35 paesi europei) l’importante riconoscimento della Carta Europea del Turismo Sostenibile.
La Carta, che rappresenta il riferimento obbligatorio della politica turistica delle aree protette dell’Unione Europea, premia quelle realtà che, attraverso un attento percorso di indagine tecnica e di partecipazione delle popolazioni locali, definiscono una strategia di sviluppo turistico che “soddisfi le esigenze attuali dei turisti e delle regioni di accoglienza, tutelando nel contempo e migliorando le prospettive per il futuro, integrando la gestione di tutte le risorse in modo tale che le esigenze economiche, sociali ed estetiche possano essere soddisfatte, mantenendo allo stesso tempo l’integrità culturale, i processi ecologici essenziali, la diversità biologica e i sistemi viventi”.


Scarica la brochure del Sistema Parchi Oltrepò mantovano (PDF)

Mappa Sistema Parchi dell'Oltrepò mantovano

Testi e mappe di Daniele Cuizzi - Eureco

Stampa il testo